FAQ

Il crowdfunding, come ci suggerisce l’etimologia della parola, deriva da “crowd” (folla) e “funding” (finanziamento), letteralmente, quindi, è il finanziamento da parte della folla. Che cosa significa? Molto semplicemente: un progetto è portato alla sua realizzazione grazie al coinvolgimento del pubblico, che si identifica nei sui intenti. Tra i maggiori campi di applicazione del crowdfunding vi è quello legato a cause comuni, per cui conseguenze positive non si limitano all’individuo, quanto piuttosto a una società che condivide cultura e valori. Nasce così il crowdfunding civico. Per progetti civici l’utilizzo del crowdfunding estende il fundraising, lo rende minimalista e testimonia il coinvolgimento, anche finanziario, dell’opinione pubblica; questo coinvolgimento diretto della comunità contribuisce a aumentare l’impatto sociale, il valore simbolico e culturale di un’iniziativa.


Attraverso il sito si può donare con carta di credito, PayPal o facendo un bonifico a favore di Azienda Sociale - Il futuro ha posti liberi IBAN: IT 64 T 01030 32820 000001197135. Per sostenere il progetto ti verranno chiesti nome, cognome e la tua mail per poterti dare conferma dell’avvenuta donazione.


Tutti! Privati, enti, associazioni, società e così via. Il sistema di pagamento mantiene traccia di tutti le donazioni avvenute in un apposito database.

Il denaro, raccolto tramite la piattaforma, viene versato direttamente su un conto bancario intestato a Azienda Sociale, con sede in Piazza Mazzini 43 a Castano Primo (MI), che lo utilizzerà esclusivamente per la realizzazione degli obiettivi del progetto Il futuro ha posti liberi.


I sostenitori vengono inseriti nella pagina dedicata, con i nominativi da loro indicati, a testimonianza del loro contributo! Chi desiderasse non comparire può selezionare, al momento della donazione, la scelta di rimanere anonimo.

No, le donazioni non sono rimborsabili.

Dagli autori del progetto non vengono trattenute percentuali sulle donazioni che transitano attraverso il sito. Il sistema di pagamento per carte di credito o PayPal trattiene la percentuale del 1,8% più 0,35 euro a transazione.